I miei 7 consigli per un Marketing efficace

da | Ott 25, 2019

#1 Marketing? Mai senza piano!

Il marketing è un’attività aziendale strategica che deve essere pianificata, e questo è una costante, che si parli di marketing “tradizionale“ oppure di marketing digitale. I componenti del piano sono l’analisi (che include una SWOT elaborata secondo le regole presentate dal Prof. Lurati); la definizione degli obiettivi; l’elaborazione e la formulazione di una strategia; la stesura di un piano d’azione e l’implementazione di un sistema di monitoraggio dei parametri chiave.
Le domande fondamentali alle quali il lavoro di analisi deve rispondere sono le seguenti:

  1. Chi sono i nostri clienti – attuali e potenziali?
    2. Come si comportano e dove li possiamo incontrare?
    3. Quali sono i loro bisogni/desideri? – attuali e futuri?
    4. Chi altro è in grado di soddisfarli e come ci posizioniamo noi?
    5. Cosa potremmo fare di meglio e di più in termini di prodotti e di servizi.

#2  Digital Marketing = relazioni reali

Avrete successo sul web se diventate amici del vostro pubblico. Per questo si deve sviluppare un rapporto autentico tra le persone che lavorano per la vostra impresa e quelle che compongono il vostro pubblico, esattamente come si fa nel mondo reale. Conoscenza, apprezzamento e fiducia sono alla base della creazione di una comunità. Stiamo evolvendo da un modello “bowling”, ossia da una comunicazione unidirezionale (messaggi) dall’impresa verso un pubblico bersaglio, ad un modello “flipper“, con una comunicazione multidirezionale (conversazioni). Dobbiamo sviluppare le nostre capacità d’ascolto e di apprezzamento dei commenti scambiati all’interno della comunità.

 #3 Prima si crea la propria comunità e dopo si vende, mantenendo un equilibrio

tra il tipo di contenuti che diffondiamo in modo da acquisire e non perdere dei “followers“. Nutriamo la nostra comunità con i nostri contenuti. La qualità di questi contenuti riveste un’importanza strategica. Ne esistono 3 tipi (che si possono presentare sotto varie forme, dal testo al video):

  1. Il contenuto originale: prodotto dall’impresa per il suo pubblico, esso deve rispondere a delle domande che il pubblico stesso si pone. Deve essere utile, mirato ed attuale, in grado di coinvolgere il pubblico e, in nessun caso, rivelarsi “fake“.
  2. Il contenuto condiviso: prodotto da qualcun altro su un tema convergente con quelli che riguardano l’attività aziendale. Va sempre commentato e ci permette di posizionarci. Proprio grazie a questa presa di posizione, questa tipologia di contenuto ci aiuta a coinvolgere il nostro pubblico.
  3. Il contenuto commerciale: ad esempio un’offerta speciale e limitata nel tempo per premiare i fan più fedeli.

È molto importante trovare il mix giusto tra i 3 tipi di contenuto. Di solito il contenuto commerciale deve avere un peso molto minore agli altri due tipi.

#4 È essenziale definire degli indicatori di performance

(ad. es. “reach“; “engagement“ ; “n. di followers“ ; traffico sul sito ecc…) e monitorarli costantemente.
Per avere successo nel marketing digitale bisogna dedicare tempo alla produzione di contenuti e di commenti di qualità ed effettuare dei test per trovare il mix più efficace.
Non tutti riescono ad avere successo nel digital marketing: ma questa è una buona notizia per chi fa un buon marketing.

#5 Esistono degli “acceleratori“ di crescita

nella costituzione di una comunità ed il loro utilizzo può far parte della strategia di social media marketing.
Sono da un lato l’utilizzo della funzionalità “advertising“ dei vari social media per promuovere i contenuti di una pagina e dall’altro la collaborazione con degli “influencers“. A parte i casi di “celebrities“, gli “influencers” sono specializzati in un determinato settore, per il quale hanno creato la propria comunità.

 #6 Ogni canale ha i suoi vantaggi, anche quello tradizionale

Infatti, l’online e l’offline sono tra loro canali complementari: bisogna trovare il mix più efficiente.
È facile confondersi tra “mezzi“ e “obiettivi“ e purtroppo questa confusione può diventare molto pericolosa. Creare una pagina Facebook non è un obiettivo bensì un mezzo. Dobbiamo sempre partire dagli obiettivi per poi chiederci quale sia il mezzo più efficiente (efficace ed economico) per raggiungerli. Sarebbe un peccato scartare dei mezzi “tradizionali“ solo perché non sono nel trend.

 

#7 Il “fai da te“ nel marketing digitale è possibile, ma…

come per tutti gli altri mestieri è sempre meglio farsi consigliare ed aiutare da un esperto! È un guadagno in termini di tempo e di efficienza, oltre a rappresentare una garanzia di sicurezza.